Sul lavoro

La sicurezza dei lavoratori e degli addetti che svolgono attività all’interno delle unità produttive costituisce un impegno primario per le imprese chimiche. Infatti secondo dati INAIL, l'Istituto Nazionale Contro gli Infortuni sul Lavoro, l’industria chimica, confrontando l’indice di frequenza degli infortuni per tutti i settori manifatturieri, risulta essere seconda solo all’industria del petrolio.
Gli elevati standard di sicurezza ottenuti tramite il miglioramento continuo di procedure e processi dalle imprese aderenti a Responsible Care è stato riconosciuto proprio dall’INAIL, che nel luglio 2006 ha sottoscritto con Federchimica un accordo con il quale riconosce la validità del programma per la prevenzione degli infortuni.

La chimica fornisce una grande quantità di materiali e oggetti che garantiscono l’incolumità e la sicurezza dei lavoratori. Un esempio molto semplice: gli estintori, siano essi ad acqua, ad anidride carbonica o a base di schiume o polveri secche sono tutti prodotti chimici.
 
I Gas Tecnici e Speciali sono utilizzati in altri svariati ambiti, primo fra tutti negli impianti estinguenti antincendio dove essi garantiscono rapidi tempi di spegnimento. Altrettanto importante l’utilizzo dei gas per inertizzare lavorazioni pericolose, come ad esempio l’impiego di gas inerti che consentono di creare atmosfere al di fuori del campo di infiammabilità e che, per tale motivo, vengono impiegati per mettere in sicurezza ambienti a rischio combustione o esplosione.
Assogastecnici rappresenta in Italia i produttori di queste sostanze.

Anche i ritardanti di fiamma sono fondamentali per la sicurezza. Si tratta di speciali additivi che posso essere incorporati nelle materie plastiche, nelle fibre tessili e nel legno. Grazie a questi materiali ignifughi si può prevenire l’innesco della fiamma, o aiutare ad attenuarne la portata e la dimensione.
 
La chimica protegge anche chi, per professione, protegge la collettività:
  • i vigili del fuoco vestono divise di materiali tessili e plastici altamente resistenti al fuoco, e indossano elmetti leggeri e protettivi fatti di plastica termoresistente
  • gli agenti di polizia grazie alla chimica possono vestire giubbotti antiproiettile, caschi, equipaggiamenti anti-sommossa.

Articoli correlati

Vedi tutti 
16 luglio 2021

Premio 2021 “Migliori esperienze aziendali”, è possibile candidarsi fino al 15 ottobre

Fino al 15 ottobre è possibile inviare le candidature per il Premio 2021 “Migliori esperienze aziendali” per iniziative di Responsabilità sociale concordate a livello aziendale, in particolare sui temi della tutela della sicurezza e della salute sul luogo di lavoro, del rispetto dell’ambiente e in materia di welfare contrattuale ...
01 aprile 2021

Osservatorio nazionale chimico e farmaceutico, parte percorso di avvicinamento al rinnovo CCNL 2022

Federchimica, Farmindustria e le Organizzazioni sindacali firmatarie del CCNL (per gli addetti dell’industria chimica, chimico-farmaceutica, delle fibre chimiche e dei settori abrasivi, lubrificanti e GPL), hanno formalmente avviato oggi, nell’ambito dell’Osservatorio nazionale, il percorso di conoscenza, coinvolgimento, confronto e condivisione tipico del Sistema di Relazioni industriali settoriale, in vista del rinnovo contrattuale del 2022...
05 marzo 2021

Pubblicato il Bando INAIL“ISI 2020” per gli investimenti in salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

INAIL ha pubblicato il Bando “ISI 2020” che prevede complessivamente oltre 210 milioni di euro a disposizione delle imprese per progetti di investimento volti a migliorare i livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Federchimica ha predisposto un file Excel per calcolare rapidamente il punteggio dei progetti da candidare al bando...

Dove siamo

UFFICI BRUXELLES

1040 Bruxelles
1, Avenue de la Joyeuse Entrée, Bte 1