Nanotecnologie

Le nanotecnologie sono l’insieme di metodi e tecniche per la manipolazione della materia su scala atomica e molecolare. Hanno l’obiettivo di costruire materiali e prodotti con speciali caratteristiche chimico-fisiche, differenti da quelle degli stessi materiali con struttura di dimensioni maggiori. 
I nanomateriali prodotti possono avere svariate applicazioni per il miglioramento della vita quotidiana e per una maggiore sostenibilità.

Solo nel 2011, la Commissione europea ha pubblicato una definizione di nanomateriale. Essa però non ha valore legale vincolante e non sempre viene applicata nello stesso modo nelle Regolamentazioni in vigore o in revisione.

Attualmente non sono presenti normative dedicate regolanti i nanomateriali, ma sono attive disposizioni specifiche in normative già esistenti. Spesso viene utilizzato un approccio case-by-case, per riuscire a trattare in maniera adeguata questo mondo complesso.

A causa della crescente richiesta di informazioni e di trasparenza, alcuni Stati europei hanno sviluppato dei registri nazionali, attraverso cui monitorare i nanomateriali prodotti, importati e distribuiti sul mercato.
A livello della sicurezza, molti studi sono in corso e alcuni gap di informazioni sono ancora da colmare. Contemporaneamente, però, le Imprese stanno già applicando delle linee guida interne al fine di assicurare la gestione responsabile dei nanomateriali e la sicurezza dei lavoratori.

Federchimica monitora costantemente l'evoluzione della normativa europea e nazionale sulle nanotecnologie, al fine di supportare le imprese associate nell'applicazione di quanto richiesto.

Articoli correlati

Vedi tutti 
13 marzo 2017

Nanocubi per la diagnosi di Alzheimer e Parkinson

Grazie a una tecnica innovativa in campo nanotecnologico è possibile identificare l''impronta digitale' di proteine e biomarcatori quando sono ancora presenti in minime tracce, riuscendo così a effettuare una diagnosi precoce di malattie neurodegenerative, quali l’Alzheimer e il Parkinson. A metterla a punto un team italiano del Cnr di fisici, chimici e ingegneri microelettronici insieme a colleghi russi...
09 gennaio 2017

Nanofili di platino per auto a idrogeno più economiche

Dal Cnr un nuovo metodo per ridurre di 50 volte la quantità di platino necessaria nei catalizzatori delle celle a combustibile a idrogeno, abbattendo i costi di questa tecnologia pulita, rendendone più semplice la diffusione. Le principali industrie automobilistiche investono circa duecento milioni di euro all’anno in ricerca per sviluppare veicoli di questo tipo, e uno dei pochi problemi chiave da risolvere è appunto lo sviluppo di catalizzatori più efficienti.

Dove siamo

Delegazione di Bruxelles

1040 Bruxelles
1, Avenue de la Joyeuse Entrée, Bte 1