Energia e cambiamenti climatici

Il cambiamento climatico è la più importante sfida che dovrà affrontare la nostra generazione. La riduzione delle emissioni di gas serra potrà essere ottenuta attraverso un impegno politico concreto e condiviso a livello mondiale, e dovrà essere supportata dall’innovazione tecnologica.
L’industria chimica si è da tempo impegnata per migliorare i propri processi, aumentarne l’efficienza energetica e, di conseguenza, per ridurre le emissioni di gas serra: secondo dati ISPRA, l’industria chimica mostra una significativa riduzione delle emissioni sia per la produzione di energia, sia per le emissioni di processo. Per maggiori dettagli consultare il Rapporto Annuale Responsible Care
Negli ultimi anni molti impianti chimici hanno convertito le proprie centrali termiche per la produzione di energia in modo da poter utilizzare combustibili gassosi (gas naturale), invece di combustibili liquidi (derivati del petrolio), riducendo le emissioni di CO2 in atmosfera.
Inoltre l’industria chimica è stata una dei primi investitori in impianti di cogenerazione (vapore ed energia elettrica), che sono molto più efficienti delle centrali tradizionali per la produzione di energia.
Infine l’industria chimica ha realizzato nuove tecnologie che hanno consentito di ridurre significativamente (oltre il 70%) le emissioni di N2O (Protossido di Azoto) derivante dai propri processi di produzione.
L’industria chimica è da sempre fortemente orientata alla ricerca e allo sviluppo per fornire ai propri clienti prodotti e tecnologie innovative e sostenibili. Per questo motivo, l’industria chimica, attraverso i suoi prodotti, potrà essere portatrice di soluzioni per vincere la sfida del cambiamento climatico. Ecco a titolo di esempio alcune applicazioni dove l’impiego di prodotti chimici apporta significativi contributi.

La plastica

Sostanza organica che ha origine dal petrolio (consuma il 5% del petrolio disponibile) e che contribuisce alla tutela dell’ambiente. La plastica può essere smaltita o riciclata, si trasforma in energia alternativa, dura a lungo ed è molto resistente e, di norma, richiede una quantità di energia relativamente ridotta per essere prodotta. Le materie plastiche sono leggere e contribuiscono quindi ad un forte risparmio di energia nelle automobili, nei camion, nei treni, negli autobus e negli aerei. Una vettura più leggera di 100 kg consuma infatti fino a 0,6 litri in meno di carburante ogni 100 km.
Le materie plastiche sono irrinunciabili nella produzione di celle solari, collettori solari e impianti eolici in quanto resistono alle intemperie, durano a lungo e soddisfano i più alti standard di sicurezza. Un chiaro esempio innovativo nel settore delle materie plastiche è rappresentato dalle plastiche biodegradabili. Esse presentano particolari proprietà in alcuni settori di applicazione, offrendo dei vantaggi durante l’utilizzo e lo smaltimento. Le plastiche biodegradabili sono utilizzate per l’imballaggio, ad esempio per specifici tipi di imballaggio per alimenti e sacchetti biodegradabili per la raccolta dell’umido, per l’area medicale (punti di sutura assorbibili) e per l’agricoltura (film e teli biodegradabili per la pacciamatura, un tipo di copertura per proteggere le semine, film per serre stagionali).
In Italia i produttori di materie plastiche sono rappresentati da Plastics Europe Italia.

Biomassa e Bioenergia

La biomassa è una fonte importante per la produzione di energia rinnovabile. Biomassa è il termine che serve ad indicare il materiale organico di origine animale e vegetale, non fossile, che viene utilizzato come combustibile per generare energia ad elevata compatibilità ambientale (bioenergia).
I fertilizzanti rivestono un ruolo chiave nella produzione di bioenergia in quanto il loro utilizzo consente agli agricoltori di ottenere migliori rese del prodotto agricolo che va a costituire la biomassa.
I fertilizzanti minerali permettono di produrre da 4 a 6 volte più energia, sotto forma di biomassa, rispetto a quella necessaria ad esempio per la loro produzione, trasporto e applicazione.
Le fonti di biomassa per la produzione di bioenergia sono pertanto diverse e comprendono reflui organici, residui forestali e scarti agricoli, come pure specie agricole coltivate appositamente per produrre calore, carburanti ed elettricità. In alcuni paesi si stanno sperimentando coltivazioni pilotate di vegetali a crescita veloce da utilizzare per produrre energia, ad esempio per alimentare piccole centrali elettriche come già avviene negli USA, in India e in Giappone.
In Italia i produttori di fertilizzanti sono rappresentati da Assofertilizzanti.

I gas liquefatti

I gas liquefatti come fonti energetiche ecosostenibili: ogni anno in tutto il mondo cresce in maniera allarmante la percentuale di decessi causati dagli effetti dell'inquinamento atmosferico e dei cambiamenti climatici. Per far fronte a questa continua emergenza è necessario scegliere fonti energetiche che riducano le emissioni degli inquinanti più impattati sul clima e sulla salute dell'uomo quali le polveri sottili. Diversi studi autorevoli hanno dimostrato come il GPL e GNL utilizzati sia come carburanti per i mezzi di trasporto (auto, camion, barche e navi) sia come combustibili per gli impieghi industriali e civili abbattono fino a livelli prossimi a zero le emissioni di questi inquinanti e abbassano notevolmente le emissioni di CO2, rappresentando dei validi alleati per salvaguardare il clima. La grande disponibilità e versatilità di questi prodotti energetici inoltre  ci permette di utilizzarli ovunque e in qualsiasi situazione.
In Italia i produttori di gas liquefatti sono rappresentati da Assogasliquidi.

Articoli correlati

Vedi tutti 
14 dicembre 2017

Industria Chimica e Farmaceutica, Giornata Nazionale Sicurezza, Salute e Ambiente per lo Sviluppo Sostenibile

La Giornata Nazionale Sicurezza Salute Ambiente, istituita per promuovere l’impegno dell’industria chimica e farmaceutica sui temi della salute, sicurezza e ambiente, ha una valenza fondamentale per le Parti sociali del settore. Nell'ambito della Giornata è stato assegnato il Premio 2017 “Migliori esperienze aziendali” ...
12 dicembre 2017

Il contributo della chimica ai paesi in via di sviluppo

Molte imprese chimiche, anche di piccola dimensione, sono impegnate in attività di Corporate Social Responsibility, secondo i 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’Agenda 2030 dell'ONU. La IV Conferenza nazionale “Combattere la povertà nei paesi in via di sviluppo con tecnologie a basso impatto di CO2" di Federchimica vuole integrare maggiormente scienza, industria, management, finanza sociale e ricerca pubblica, per creare opportunità di crescita economica e sociale in paesi ancora in fase di sviluppo ...
15 novembre 2017

Responsible Care: i principali indicatori in sintesi

Per sicurezza, salute e ambiente le imprese aderenti a Responsible Care spendono ogni anno oltre il 2,6% del proprio fatturato e realizzano investimenti pari a circa il 20% del totale investito. Tra i principali risultati raggiunti: il calo delle Emissioni di Gas Serra ...

Dove siamo

Delegazione di Bruxelles

1040 Bruxelles
1, Avenue de la Joyeuse Entrée, Bte 1