Chimica & oltre. Webmagazine di FEDERCHIMICA

LE SEZIONILE SEZIONI

IN AGENDA

  1. Presentazione Progetto europeo "IN REACH"

    Evento di presentazione del Progetto europeo "LIFE 13 ENV/IT/00849 inREACh: protecting health and environment by streamlining REACH compliance check at European Economic Area import stage", con la partecipazione di esperti e referenti di soggetti Pubblici ed Associazioni di Settore.

    Parte pubblica

    09:30 Apertura lavori
    09:40 Introduzione al progetto
    10:20 Il quadro nazionale
    11:20 Q&A
    11:40 La Supply Chain, i controlli, le Critical Issues
    12:20 Il punto di vista delle imprese e dei consumatori
    13:00 Q&A

    13:15 light lunch + networking

    Parte Privata

    14:30 - 16:00 Tavola Rotonda: 25 “Critical Issues impacting REACH Regulation implementation” 5 per ognuna delle tematiche:
    1. Normativa (Regionale, Nazionale, Europea, Mondiale)
    2. Procedure e tecnologie (Workflows, ICT, Web Services, Databases, Saas, legacy systems, etc.)
    3. Science (Definizione di Protocolli di Campionamento standardizzati per le analisi REACH)
    4. Trasporti e Logistica (Impatti di REACH/CLP sulla Supply Chain)
    5. Science-Politics integration (Capacity Building, Formazione e Training)
    16:00 - 16:15 Coffee Break
    16:15 Definizione della RoadMap per superare le 25 Critical Issues
    18:00 Conclusione lavori

    La partecipazione al convegno è soggetta alla disponibilità di posti. Le iscrizioni saranno accettate in ordine cronologico fino al raggiungimento dei posti disponibili per permettere all’organizzazione di gestire al meglio l’evento. Confema la tua adesione su www.inreachproject.eu

     

  2. 2° Conferenza Chimica Sostenibile

    La Conferenza sarà l'occasione per rilanciare, con il contributo di ospiti internazionali, la Piattaforma Tecnologica Nazionale per la Chimica Sostenibile "SusChem Italy".

    Verrà presentato inoltre la "3° Edizione dell’Annuario della Ricerca per la Chimica Sostenibile”, in cui sono descritte le attività di Ricerca & Sviluppo per la sostenibilità di alcune imprese associate. L’Annuario è stato creato per rispondere a eventuali richieste di Ministeri, e per comprendere quali attività di R&S le imprese associate pianificano, direttamente e in partnership con Istituzioni scientifiche, per migliorare la propria sostenibilità in Italia.

    La Conferenza desidera creare spunti di riflessione per collaborazioni, anche col mondo della ricerca pubblica, per progetti congiunti rivolti alla sostenibilità.

    Scarica il Programma

  3. The 21st International Workshop of T.A.C.E.C. Programme

    The Critical Raw Materials

    European Union is dedicating deep analysis and is adopting public policy to manage of the issues of the Critical Raw Materials and it is supplying the innovation to generate business opportunities. In particularly, the “Rare Earths” (REE) are subjected to decisions from non EU Countries and threatened on the long term supply. So that Federchimica too is committed to study the 40 Critical Raw Materials markets and to support the Chemical Companies on how to negotiate, to refine, to use, to substitute them. To remember how the Rare Earths are important for the Manufacturing Industries in Italy, the main applications are:
    Energy (engines of wind turbine; batteries and light sources; magnetic refrigeration; oil cracking catalysts),
    Transport (catalytic converters; hybrid vehicles; air engines),
    High-tech-Nanotechnology (Magnets; LCD panel displays; MP3 players; Lasers; glasses; ceramics),
    Agriculture  (feed additives). 

     "VISUALIZZA PROGRAMMA"

  4. Workshop "Salute e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro"

    Workshop "Salute e Sicurezzza nei Luoghi di Lavoro: novità e strumenti per la corretta gestione"

    Federchimica, nell'ambito delle attività del Comitato Igiene Industriale, ha organizzato il presente Workshop con l’obiettivo di offrire alle imprese associate strumenti, informazioni e novità che possano divenire utili indicazioni volte alla tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.
    A tal fine, il Workshop sarà suddiviso in due sessioni durante le quali saranno affrontate, nella prima, le principali ricadute di REACH e CLP sul D.Lgs. 81/2008 anche dal punto di vista dell’Autorità e le forti ripercussioni sull’attività lavorativa dovute alla riclassificazione della Formaldeide e, nella seconda, gli aggiornamenti relativi alla prevenzione incendi, la presentazione delle indicazioni operative di Federchimica sulla gestione del Rischio Chimico e dei lavori realizzati in ambienti confinati o sospetti di inquinamento e, infine, il tool «Programma Observer» messo a punto per la registrazione dei Quasi Incidenti.

    Il Workshop è indirizzato a Datori di Lavoro, Dirigenti della Sicurezza, Responsabili e Addetti al Servizio di Protezione e Prevenzione, Medici Competenti e Gestori di Impianti.

     

    La partecipazione al Workshop è riservata alle imprese associate a Federchimica.

    Programma

  5. Orientagiovani - Viaggio nel magico mondo della chimica

    Giornata destinata alle classi terze delle Scuole Secondarie di primo Grado, per approfondire, scoprire e comprendere, in modo divertente e coinvolgente, che cos’è davvero la chimica e che ruolo gioca per la qualità della vita.

    L'incontro si svolgerà dalle 10.00 alle 12.00. 

    Le iscrizioni delle Scuole saranno accolte in ordine di arrivo, compatibilmente con le esigenze organizzative delle manifestazioni (capienza massima delle sale, eventi a “numero chiuso” etc.).

    Per il pieno successo degli incontri si raccomanda alle Scuole la massima cura nella selezione della propria delegazione studentesca (massimo 50 studenti), sia al punto di vista dell’interesse degli studenti per i temi orientativi trattati (si raccomanda, al riguardo, la composizione di delegazioni inter-classe), sia per quanto riguarda i necessari aspetti di disciplina e buona condotta. E’ raccomandata la massima puntualità.

    POSTI ESAURITI

     

  6. La comunicazione digitale per fare business

    Percorso formativo "La comunicazione digitale per fare business"

     

    Partecipare all’intero percorso, organizzato in quattro moduli, porrà le basi per una conoscenza approfondita della comunicazione efficace su Internet e sui social media. Le giornate, quindi, intendono far conoscere i vantaggi del Marketing Online a livello aziendale e imprenditoriale e fornire spunti utili per la pianificazione di strategie digitali. 

     

    I riflettori sono puntati sulla progettazione e la messa in opera di strategie Web Marketing, Social Media Marketing, Email Marketing e Content Marketing. Il Percorso Formativo, che parte dalle differenze tra Marketing tradizionale e Marketing digitale per arrivare alla capacità di analisi e interpretazione dei dati e del comportamento degli utenti, rappresenta una valida opportunità per acquisire le competenze necessarie a rafforzare il proprio valore sul mercato. 

     

    Tuttavia risulta proficua anche la partecipazione ad un singolo modulo, grazie al livello di approfondimento dei temi trattati.

     

    Nel dettaglio:

     

    Modulo 1 - Come comunicare con nuovi potenziali clienti sfruttando il web (20 ottobre 2014)

     

    Modulo 2 - Convertire gli utenti in clienti: fare business con i Social Network e il Blog Aziendale (30 ottobre 2014)

     

    Modulo 3 - La relazione con il cliente: Email Marketing e  Social Customer Care (10 novembre 2014)

     

    Modulo 4 - Strumenti pratici e Tool per il Web Marketing – Tecniche di misurazione per il controllo dei risultati (27 novembre 2014)

     

    Brochure Modulo 1

     

    Brochure Modulo 2

     

    Brochure Modulo 3

     

    Brochure Modulo 4

     

    Scheda Iscrizione 1 MODULO

     

    Scheda Iscrizione 4 MODULI

     

> Visualizza il calendario
Torna a Web Magazine

Rapporto Nazionale PIQ 2010, la chimica è eccellenza nella qualità.

19 dic 2011

C'è una nuova unità di misura per interpretare al meglio l’economia globale: è il PIQ,  Prodotto Interno di Qualità, e serve a quantificare l'upgrading di prodotti e processi che i Paesi avanzati mettono in campo per competere con i low cost dei Paesi emergenti.Il PIQ risulta quindi più competo rispetto al Pil, perchè tiene conto di indicatori settoriali che vanno al di là della quantità di beni (o servizi) prodotti.
In questo sofisticato ranking, la chimica è prima in classifica con una quota di PIQ del 57,8%, ben al di sopra della media manifatturiera (48,2%). Questa posizione si spiega con il continuo impegno dell’industria chimica nel perseguire i suoi obiettivi in termini di ricerca e innovazione.
 Il PIQ è calcolato esclusivamente su dati oggettivi, utilizzando una serie di indicatori inseriti in uno schema Input-Process-Output (IPO) che corrisponde alla filiera produttiva. Il modello permette di valutare le interdipendenze tra i vari settori sulla base del fatto che la qualità dei beni e servizi prodotti da un settore si inserisce, sotto forma di input, nelle produzioni di altri settori.
Il PIQ rimane nella logica monetaria del PIL ed è compatibile con la classificazione europea NACE dei comparti di attività economica. Garantisce quindi la possibilità di confrontare il livello qualitativo raggiunto dalle singole economie nazionali.
Gli indicatori tenuti in considerazione sono suddivisi in due macro-aree:
• fattore lavoro, all’interno del quale ci sono le seguenti sotto-aree: formazione, competenze, abilità, imprenditoria giovanile (nel contesto di intergenerazionalità), pari opportunità lavorative tra uomini e donne;
• fattore capitale-tecnologia, all’interno del quale ci sono diverse sotto-aree, tra cui sicurezza e salute, processi ideativi e produttivi, spesa per l’innovazione, efficienza energetica, gestione di rifiuti, riduzione inquinanti.
 Il Rapporto PIQ 2010,svolto da Symbola, Unioncamere e Istituto Tagliacarne,  ha anche quantificato il contributo di ogni settore produttivo italiano all’interno del processo Input-Process-Output. La chimica ha un contributo medio-alto nella fase di Input e Process, mentre nella fase finale di Output il suo contributo diventa alto. Pertanto, nel contributo sul totale del sistema economico italiano, la fetta corrispondente alla chimica risulta essere pari all’8,5% circa (essendo un settore di minori dimensioni rispetto ad altri).
Il risultato complessivo rapporta il contributo in termini di formazione del PIQ nazionale e la percentuale di qualità all’interno del settore, dove l’industria chimica, come visto in precedenza, arriva al 57,8% (vedi grafico pagina seguente).

 

Periodico on line di Federchimica, Federazione Nazionale dell'Industria Chimica
registrazione del Tribunale di Milano n. 243 del 17/04/08
Direttore: Claudio Benedetti
Editore: Federchimica
Sede Redazione: Via Giovanni Da Procida, 11 20149 Milano