mercoledì 26 novembre 2014 
repertorio imprese
Associazioni Federchimica
 
 
Utilità
RC orizzontale Servizio Emergenza Trasporti logo taceclogo centro reachLogo Nanoforce logo energ ice Logo Giornata SSA  Faschim    www.chimicaunabuonascelta.it  SITO WLACHIMICA   
 
 
 

Regolamento REACH


IL REGOLAMENTO
Il Regolamento concernente la registrazione, la valutazione, l'autorizzazione  e la restrizione delle sostanze chimiche, meglio noto con l'acronimo REACH (Registration, Evaluation and Authorisation of CHemicals) è giunto alla conclusione del suo lungo percorso, iniziato nel febbraio 2001 con il Libro Bianco sulla “Strategia per una politica futura in materia di sostanze chimiche”.
Il testo consolidato del REACH, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea il 29 maggio 2007, è entrato in vigore il 1° giugno 2007.
Si tratta di una rivisitazione di oltre 40 normative europee attualmente in vigore, con un ampliamento di campo di applicazione di procedure circa la produzione, l’importazione e l’uso di sostanze chimiche, che solo in Italia coinvolgerà oltre 2.000 Imprese Chimiche e oltre 100.000 Imprese di Trasformazione Industriale.

LO SCOPO

Scopo del REACH è avviare un sistema unico di Registrazione e di Valutazione delle circa 30.000 sostanze chimiche “esistenti” (ovvero quelle introdotte sul mercato prima del settembre 1981) e “nuove” (dopo il settembre 1981), al fine di assicurare un maggiore livello di protezione della salute umana e dell'ambiente.

Con il nuovo sistema, chi produce e chi importa da Paesi extra UE una sostanza - in quanto tale o contenuta in un preparato - in quantità uguale o superiore ad una tonnellata all’anno, ha l’obbligo di "registrarla" presso l’Agenzia Europea delle Sostanze Chimiche.

Il REACH prevede infatti l'istituzione di un'Agenzia, con sede ad Helsinki, che avrà il compito di gestire gli aspetti tecnici, scientifici ed amministrativi del Regolamento e di armonizzarne le procedure a livello europeo.

LA REGISTRAZIONE

La Registrazione comporta la redazione di:
un Dossier Tecnico, nel quale sono fornite le informazioni relative alle proprietà intrinseche - chimico-fisiche, tossicologiche ed ecotossicologiche - e agli usi delle sostanze (i dati richiesti saranno in proporzione ai volumi prodotti o importati annualmente);
un Rapporto sulla Sicurezza Chimica, che riporta la valutazione del rischio delle sostanze.

LA VALUTAZIONE
L’Agenzia si occuperà della Valutazione dei Dossier Tecnici mentre le Autorità Competenti degli Stati Membri, sotto il coordinamento dell’Agenzia, effettueranno la Valutazione delle Sostanze, con la facoltà di richiedere ulteriori informazioni, rispetto a quelle riportate nel Dossier Tecnico.

L’AUTORIZZAZIONE

Le sostanze con particolari proprietà pericolose per la salute umana - i CMR (cancerogeni, mutageni o tossici per la riproduzione) di categoria 1 e 2 - o per l’ambiente - i PBT (persistenti, bioaccumulabili, tossici) e i vPvB (molto persistenti, molto bioaccumulabili) - così come altre sostanze di “similar concern”, quali ad esempio i modulatori endocrini, saranno soggette ad un regime di Autorizzazione.
Tale procedura prevede che, in relazione allo specifico uso, la produzione e l’importazione di queste sostanze siano preventivamente autorizzate.

GLI UTILIZZATORI A VALLE

Anche gli Utilizzatori a Valle di sostanze chimiche sono coinvolti nell'implementazione del REACH: essi hanno infatti l’obbligo di "utilizzare" le sostanze secondo gli "usi identificati" dal proprio Fornitore e all'interno degli "scenari di esposizione" da esso comunicati, assicurando la trasmissione di informazioni puntuali e complete sulle sostanze e sui preparati, lungo tutta la filiera.

Per informazioni si invita a contattare:

Ilaria Malerba
Tel. 02-34565.270
i.malerba@federchimica.it

Laura Grisai
Tel. 02-34565.272
l.grisai@federchimica.it

Chiara Pozzi
Tel. 02-34565.213
c.pozzi@federchimica.it

 

banner create adesso il vostro SIEF