martedì 16 settembre 2014 
repertorio imprese
Associazioni Federchimica
 
 
in agenda
  1. Corso SC: Impurezze genotossiche

    Il Corso è strutturato in modo da determinare, identificare e qualificare le impurezze di un API e di un eccipiente dividendole in impurezze organiche, inorganiche e solventi. Sono presi in considerazione i vari test per la determinazione della genotossicità delle impurezze (batteria standard ed altri test). Viene quindi approfondito il concetto di TTC con vari esempi. Viene inoltre formulata la previsione di genotossicità di una impurezza in base all’esame strutturale. Saranno esaminati esempi di impurezze genotossiche con considerazioni generali e discussione con i partecipanti. Il Corso è importante per le persone che sono a contatto con la qualità degli API e degli eccipienti per la produzione, l’analisi, la registrazione e la commercializzazione. Il Corso, di taglio pratico, si prefigge di aiutare le persone a risolvere i problemi legati ad individuare le impurezze genotossiche ed a porre l’API nelle migliori condizioni di commercializzazione nazionale ed internazionale.

    Brochure Impurezze genotossiche - 17.09.2014

    Scheda Iscrizione Impurezze genotossiche - 17.09.2014

  2. 3° Workshop del Programma PhD

    3° Workshop del Programma PhD - "Nell'industria chimica, chi fa ricerca... fa carriera?"

     

    Il Workshop si pone l’obiettivo di analizzare e riflettere sulla formazione post lauream e sulla figura del Dottore di Ricerca, il cui impiego nel mondo accademico e soprattutto nel sistema industriale risulta avere delle difficoltà reali. La situazione attuale è caratterizzata da un’offerta di lavoro insufficiente nelle imprese, anche a causa di un’incoerenza tra la professionalità del Dottore di Ricerca e le esigenze aziendali.

     

    Per superare questa situazione verranno evidenziate alcune azioni che potrebbero rendere l’attuale formazione dei Dottori di Ricerca più in linea con le esigenze dell’industria o dell’Università, grazie ad esperienze e testimonianze di entrambe le parti.

     

     Visualizza il Programma.

  3. Corso SC: Esami microbiologici

    Il Corso è strutturato in modo da presentare i riferimenti e le norme da utilizzare per questo tipo di analisi.

    Vengono brevemente inseriti alcuni riferimenti per i dispositivi medici, integratori alimentari e cosmetici.

    Viene presentato il metodo della Farmacopea Europea  ed i controlli di monitoring ed ambientali.

    Viene inoltre presentato il monitoraggio ambientale, la classificazione degli ambienti, la frequenza e la conta particellare.

    Sono descritti i metodi di campionamento dell’aria, delle superfici e del materiale di confezionamento.

    Viene descritta la determinazione di una popolazione di microrganismi sui prodotti, il challenge test, il controllo delle fasi del processo produttivo e l’analisi dei rischi.

    Il Corso riporta anche la convalida dei terreni, la convalida dei metodi e la valutazione dei risultati; viene inoltre riportato il campionamento, la preparazione del campione, l’analisi, l’MPN e la ricerca dei patogeni.

    Da ultimo sono presi in considerazione i risultati compresi quelli fuori specifica.

     

    Brochure MICROBIOLOGICI 24.09.14 (1)

    Scheda Iscrizione Esami microbiologici - 24.09.2014

  4. Osservatorio nazionale – Bari, 24 settembre 2014

    “2014 l’Osservatorio si fa in 4”: Osservatorio itinerante del Settore chimico-farmaceutico per consolidare e diffondere relazioni industriali costruttive e buone prassi della contrattazione aziendale.

     

    Federchimica, Farmindustria e le Organizzazioni sindacali, firmatarie del CCNL di settore, hanno convenuto l’avvio dell’iniziativa denominata “2014 l’Osservatorio si fa in 4”.

     

    Tale iniziativa rientra nelle azioni finalizzate a consolidare e sviluppare la cultura settoriale di relazioni industriali costruttive negli attori sociali delle imprese per agevolare e incentivare la realizzazione di una contrattazione aziendale efficace e capace di cogliere e implementare le opportunità offerte dal CCNL.

     

    In particolare, sono state definite 4 aree territoriali (Nord Est, Nord Ovest, Centro, Sud e Isole) e 8 città (Milano, Torino, Venezia, Bologna, Firenze, Roma, Bari e Siracusa) in cui si terranno gli incontri dell’Osservatorio Nazionale settoriale nel corso del 2014.

     

    L’Osservatorio Nazionale, ambito di confronto continuo e approfondimento delle tematiche contrattuali al di fuori del contesto negoziale, è stato istituito nel 1986 ed ha contribuito, in modo decisivo, all’affermazione del modello chimico-farmaceutico di relazioni industriali partecipativo e costruttivo.

    Questo metodo ha consentito di consolidare un principio vincente per la negoziazione: partire sempre da una conoscenza condivisa come base per Relazioni Industriali efficaci e costruttive.

     

    Il programma prevede, per ogni sessione dell’Osservatorio:

    • interventi delle Parti nazionali sulla situazione economica settoriale, sul sistema di Relazioni industriali e sugli strumenti offerti dalla CCNL per il miglioramento della flessibilità organizzativa e dell’occupabilità,
    •  interventi delle Parti sociali del territorio dove si tengono gli incontri in merito alla contrattazione aziendale realizzata.

     

    Ampio spazio sarà dato, inoltre, al dibattito tra i partecipanti, anche al fine di consentire la condivisione di esperienze inerenti la contrattazione aziendale provenienti dagli altri territori appartenenti a ognuna delle 4 aree individuate.

     

    Proprio in relazione all’occasione di conoscere le diverse esperienze della contrattazione aziendale, fermo restando l’opportunità di partecipare agli incontri del territorio di propria competenza per evidenti ragioni logistiche e organizzative, non vi è preclusione alcuna sulla possibilità di aderire a più incontri.

    Nel corso degli incontri si terrà inoltre un approfondimento su Faschim, il Fondo Sanitario del settore chimico-farmaceutico, per condividere i risultati conseguiti nei primi 10 anni di attività e per divulgare le opportunità che il CCNL riserva, attraverso il Fondo stesso, ai dipendenti e ai loro familiari.

    Per ragioni organizzative è opportuno segnalare i nominativi dei partecipanti entro quindici giorni dalla data dell’incontro a cui si intende aderire inviando l’apposito modulo di registrazione a ind@federchimica.it.

    L'incontro si svolgerà dalle 10.00 alle 16.00.

    VISUALIZZA PROGRAMMA

  5. IFIB 2014

    Genova capitale euromediterranea delle biotecnologie industriali dal 25 al 26 settembre: torna IFIB

    Torna IFIB. La quarta edizione dell’Italian Forum on Industrial Biotechnology and Bioeconomy, l’evento dedicato alle biotecnologie industriali e alla bioeconomia, organizzato da Assobiotec, Innovhub-SSI e l’Italian Biocatalysis Center, si terrà a Genova il 25 e 26 settembre. Con grandi relatori già confermati nel programma: nova-Institut, CLIB2021 e il Gruppo Biotecnologie di Clariant per la Germania, l’Industrial Biotechnology Network per la Norvegia, Bioeconomy in Greece per la Grecia, Acib GmbH per l’Austria. E ancora: altri grandi gruppi industriali come Cargill dai Paesi Bassi, Purolite dal Regno Unito, Indena e IRB dall’Italia. La call e il modulo per candidarsi sono scaricabili dal sito www.assobiotec.it. La scadenza per l’invio delle candidature è fissata al 30 giugno.

    Quest’anno ai tre organizzatori storici si affiancano la Camera di Commercio di Genova, ospite dell’evento, la Enterprise Europe Network, che curerà il partnering, tre cluster tecnologici nazionali (SPRING per la Chimica verde, Alisei per le Scienze della vita e Clan per l'Agro-alimentare) e il cluster tedesco delle biotecnologie industriali (Clib2021). Insieme a loro anche il Cnr di Messina.

    IFIB rappresenta un momento fondamentale per conoscere e discutere di bioeconomia italiana e non solo. L’obiettivo che si pone il forum quest’anno è di raccogliere, così come fatto per l’edizione 2013 che si è tenuta a Napoli, non solo imprese e ricerca made in Italy, ma anche tutta la vasta area Euro-mediterranea, che arriva sino al Maghreb e al Medio Oriente. Per questo motivo l’evento sarà totalmente in inglese. Obiettivo del Forum, tra le altre cose, è favorire la creazione di un contesto che possa sostenere l’innovazione in linea con quanto indicato dall’Unione europea con la sua Strategia per la bioeconomia lanciata nel febbraio 2012. Per iscriversi al partnering: http://www.b2match.eu/ifib2014

    V. programma

  6. Corso SC: Tecniche di negoziazione win-win

    La competenza negoziale è uno strumento indispensabile per tutti i manager nelle loro relazioni quotidiane all’interno e all’esterno dell’ambiente professionale. Questo corso nasce dall’esigenza di fornire tecniche avanzate di negoziazione ai manager che fanno della negoziazione un punto forte del loro successo lavorativo. L’obiettivo del corso è fornire le tecniche e gli strumenti necessari a: preparare un piano d’azione che comprenda tutti gli obiettivi e le priorità del processo negoziale; risolvere i conflitti con decisione e creatività; adattare lo stile negoziale a quello della controparte; arrivare rapidamente ad una soluzione di compromesso soddisfacente per tutte le parti.

    Brochure NEGOZIAZIONE 01.10.14

    Scheda Iscrizione Tecniche di negoziazione win-win - 01.10.2014

> Visualizza il calendario
Utilità
RC orizzontale Servizio Emergenza Trasporti logo taceclogo centro reachLogo Nanoforce logo energ ice Logo Giornata SSA  Faschim    www.chimicaunabuonascelta.it  SITO WLACHIMICA   
 
 
Stampa Bookmark Segnala URL

Relazioni Industriali

Andrea Piscitelli
 

Direttore Centrale

Andrea Piscitelli

tel 02 34565 286
e-mail a.piscitelli@federchimica.it


Sono di competenza della Direzione Centrale Relazioni Industriali: la tutela degli interessi delle imprese associate in materia di lavoro; la difesa dei diritti e delle prerogative della libera imprenditoria nel rispetto della dignità dei lavoratori, della tutela della loro sicurezza e salute nonché la salvaguardia dell’Ambiente; la promozione della cultura industriale e della crescita professionale dei lavoratori; la creazione di un contesto e di relazioni che rendano possibile la realizzazione dei principi enunciati; la promozione della previdenza integrativa settoriale (Fonchim) e del Fondo di assistenza sanitaria settoriale (FASCHIM).
Per il conseguimento di tali obiettivi la Direzione opera principalmente attraverso: la stipula e gestione del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro, l'attività dell'Osservatorio Chimico Nazionale contrattuale, l'orientamento della politica sindacale delle imprese, la presenza attiva nelle sedi internazionali per l'area di competenza, il costante e stretto collegamento con le imprese e il Sistema imprenditoriale, la rilevazione di elementi conoscitivi e dati statistici inerenti tra l’altro il costo del lavoro, le retribuzioni, gli inquadramenti.
La Direzione assiste le imprese sugli aspetti normativi, giuridico interpretativi, previdenziali e di formazione connessi con la disciplina legislativa e contrattuale che regola i rapporti di lavoro; elabora e promuove le linee guida sulla contrattazione integrativa aziendale finalizzata a rendere la stessa coerente con le scelte elaborate a livello settoriale.
Inoltre la Direzione svolge un ruolo proattivo per lo sviluppo culturale e professionale delle risorse umane mediante la realizzazione e gestione di corsi per manager, realizza specifiche pubblicazioni e iniziative congiunte relative alla formazione continua dei lavoratori nell’ambito sia dell’Organismo Bilaterale per la Formazione Chimica (OBC) sia di Fondimpresa, oltre ad un’attività formativa congiunta con le organizzazioni sindacali per gli attori sociali e settoriali e per i Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza, Salute e Ambiente (RLSSA).

Consulta l'Agenda Corsi

Prodotti e servizi

Contatti

Tel. 02 34565.286
Fax. 02 34565.322
ind@federchimica.it