Chimica & oltre. Webmagazine di FEDERCHIMICA

LE SEZIONILE SEZIONI

IN AGENDA

  1. Federchimica partecipa ad Ecomondo

    Federchimica insieme a Aispec/Serchim, Aispec/Fonti Rinnovabili, Assocasa e PlasticsEurope Italia partecipa ad Ecomondo, la 18° fiera internazionale del recupero di materia ed energia e dello siluppo sostenibile.

    Visita il sito

    V. i convegni a cui è presente Federchimica

     

  2. La chiMIca MI piace

    E' la terza tappa del ciclo di incontri "La chimica mi piace" organizzato da Federchimica e dal Gruppo Chimici di Assolombarda: una campagna di sensibilizzazione per far conoscere tutti "i numeri" dell'industria chimica del territorio milanese e l’importanza ed il valore che essa ha, per il nostro territorio, per la Lombardia e, conseguentemente, per il nostro Paese.

    V. programma

  3. Federchimica partecipa ad Ambiente Lavoro

    Federchimica anche quest'anno partecipa ad Ambiente Lavoro.

    PAD 36 STAND B27

    V. sito della fiera

  4. 20° Rapporto Annuale Responsible Care

    In occasione del suo 20simo anniversario, il Rapporto verrà presentato a Roma presso la Camera dei Deputati, alla presenza del Ministro dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Gian Luca Galletti, e degli Onorevoli Ermete Realacci e Raffaello Vignali.

    L'evento è patrocinato dalla Camera dei Deputati, dal Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e dall'INAIL.

    "VISUALIZZA PROGRAMMA"

  5. European Biotech Week 2014

    Dal 6 al 12 ottobre 2014 si svolgerà in tutta Europa la seconda edizione della European Biotech Week, promossa da EuropaBio per la prima volta nel 2013.
     L’edizione 2014 si propone di replicare lo straordinario successo dello scorso anno: gli eventi organizzati sul solo territorio italiano nel 2013 sono stati più di 50: 15 dibattiti, 2 spettacoli teatrali, 1 mostra d’arte, 4 Play Decide, 11 laboratori, 2 corsi di formazione, 2 flash mob e 25 Porte Aperte in 20 città coinvolte.
     Obiettivo della manifestazione è quello di avvicinare il grande pubblico al mondo delle biotecnologie, un mondo affascinante, vibrante e dinamico, che è parte integrante della vita di tutti noi. In modo particolare, questa seconda edizione, arricchita di eventi, collaborazioni ed autorevoli contributi, si propone di valorizzare l’impatto positivo che le biotecnologie Introduzione hanno e avranno su ogni aspetto della vita dell’uomo, di rafforzare il dialogo con un pubblico sempre più ampio e di favorire una sempre
     maggior consapevolezza sul ruolo delle biotecnologie e potenziale di innovazione e creazione di uno sviluppo sempre più sostenibile.
     In Italia l’evento gode dell’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica, della Presidenza del Senato, della Presidenza della Camera dei Deputati, della Presidenza del Consiglio, e viene promossa da Assobiotec, l’Associazione Nazionale per lo sviluppo delle Biotecnologie, che fa parte di Federchimica.

    Scarica programma preliminare

  6. Corso SC: Problem solving e decision making

    Il corso consentirà ai partecipanti di acquisire un metodo strutturato per analizzare e risolvere problemi con soluzioni innovative, anche in situazioni non sempre chiaramente definibili; sperimentare alcune tecniche sia logico-razionali che creative da applicare nelle diverse fasi del problem solving; apprendere i principi della creatività e le tecniche per allenarla, imparando a pensare fuori dagli schemi; saper valutare l’impatto della decisione nella propria attività. Il corso è rivolto a tutti coloro che sono chiamati nell’attività lavorativa a risolvere piccoli e grandi problemi fornendo soluzioni efficaci e non preconfezionate, e a coloro che vogliono sviluppare la capacità di pensare “fuori dagli schemi” per favorire l’innovazione.

     

    Brochure PROBLEM SOLVING 12.11.14

    Scheda Iscrizione PROBLEM SOLVING 12.11.2014

> Visualizza il calendario
Torna a Web Magazine

Cosmetici, grazie alla chimica quelli degli antichi egizi erano anche curativi

21 gen 2010

Trucco, ma non solo: il pesante 'make up' degli antichi egizi, soprattutto delle bellissime regine come la leggendaria Nefertiti, non serviva solo a rendere i loro occhi colorati, seducenti e brillanti, ma aveva una vera e propria funzione preventiva e terapeutica, proteggendo di fatto gli occhi dalle infezioni. Una scoperta dei chimici del tempo, in quanto si parla di sostanze - utilizzate come cosmetici - che non sono presenti in natura, come la laurionite, un cosmetico, sì, ma con potenti effetti antibatterici.Il piombo nel 'make up' egizio, insomma, sarebbe per gli scienziati francesi "il primo esempio conosciuto di un prodotto chimico su larga scala.Non c'e' da meravigliarsi che "kemej," la parola egiziana che indica la terra nera della valle del Nilo, sia arrivata a noi attraverso i greci e poi gli arabi per definire quella che oggi chiamiamo 'chimica'"


E' quanto accertato da un team di scienziati francesi dell'Ecole Normale Superieure e del Cnrs, che hannno notato che gia' migliaia di anni fa gli antichi egizi utilizzavano cosmetici con sostanze a base di piombo, soprattutto per annerire il contorno degli occhi. Alcuni credevano che il trucco avesse un valore "magico", attraverso cui gli dei Horus e Ra potevano proteggere dalle malattie.
Finora gli scienziati erano convinti del contrario, e cioe' che tutto quel piombo fosse tossico. I ricercatori francesi, analizzando 52 reperti di trucco egizio conservati al Louvre, hanno scoperto invece che queste sostanze incrementano la produzione di ossido nitrico fino al 240 per cento in colture di cellule di pelle umana. E proprio l'ossido nitrico e' in grado di aiutare il sistema immunitario a combattere le infezioni. Le malattie agli occhi, non a caso, erano una vera piaga nell'antico Egitto, ricco di zone paludose e tropicali.
Pertanto, gli antichi egizi possono avere deliberatamente usato questi prodotti cosmetici a base di piombo per aiutare a prevenire o curare le malattie degli occhi, suggeriscono i ricercatori, osservando addirittura che due dei composti rilevati non sono presenti in natura, e che quindi devono essere stati "sintetizzati" da antichi chimici all'avanguardia. La laurionite in particolare, presente nei trucchi egizi, "aveva effetti che gli egizi stessi potevano a buon diritto chiamare 'magici' - scrivono gli scienziati - ma che oggi definiamo antibatterici. Si puo' presumere che i 'chimici' egizi abbiano empiricamente riconosciuto che ogni volta che tale precipitato 'bianco' era presente nella pasta del trucco, chi veniva truccato godeva di una migliore salute, e quindi hanno fabbricato volutamente la laurionite per i trucchi degli egizi piu' importanti". 

Periodico on line di Federchimica, Federazione Nazionale dell'Industria Chimica
registrazione del Tribunale di Milano n. 243 del 17/04/08
Direttore: Claudio Benedetti
Editore: Federchimica
Sede Redazione: Via Giovanni Da Procida, 11 20149 Milano